Renzi, Grillo, la ‘recuperabilità’ del Pd di Alessandro Giglioli*

download

Considerazioni di merito  sull’amnistia a parte, mi pare che la presa di posizione di Renzi sul tema abbia parecchio a che fare con la recente uscita di Grillo e Casaleggio sul reato di clandestinità…

…Intendo dire: Matteo sa benissimo che esiste una bella quota di elettori che sta un po’ a metà tra Pd e M5S. Almeno un milione di ex elettori piddini hanno scelto il M5S all’ultimo giro, secondo l’analisi dei flussi Swg, e si tratta ancora di ‘elettorato liquido’.

Renzi è convinto che una larga parte di questi abbia ‘tradito’ il Pd per esasperazione verso la sua impresentabile dirigenza, della quale anche lui si dichiara rottamatore. Pertanto ha in mente di riportarli a casa, quei voti, prima alle primarie e poi nel nel ’suo’ Pd.

Insomma, il sindaco di Firenze oggi vuole competere con il M5S sul terreno degli ex elettori piddini e di sinistra delusi, quelli con le palle strapiene dell’establishment del partito. Ha colto quindi al volo il post ‘di destra’ di Grillo e Casaleggio sull’immigrazione per cercare di portarli a sé. Ma lo ha fatto, furbamente, andando a posizionarsi a sorpresa su altro, cioè su una questione come la legalità, che del successo M5S è stato un ‘core business’ e che oggi viene fortemente sentita anche da quella fascia ‘ballerina’ tra Pd e M5S.

Certamente nell’operazione c’è del marketing intelligente. Non so però quanto affidabile: Matteo ha cambiato idea su molte cose (inclusa l’amnistia) a seconda della corrente dei venti – e questo secondo me è, almeno per ora, il suo difetto peggiore.

Personalmente, se devo vedere nel Pd una qualche possibilità di attrazione degli elettori passati a Grillo che non sia strumentale bensì basata su un’identità politica autentica, beh, la vedo molto di più in Pippo Civati: per quello che coerentemente fa e dice da anni.

Poi – come sa chi mi conosce – il mio grande dubbio è sull’effettivarecuperabilità del Pd come partito radicalmente riformista, dopo tutto quello che ha combinato nei suoi sei anni di vita, ma questo è un discorso lungo e doloroso.

14.10.2013

*http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/

Annunci

Informazioni su Salerno per Renzi

SALERNO PER RENZI LEADER DEL PD Cambiare il PD per cambiare l'Italia
Questa voce è stata pubblicata in Articoli dalla Stampa Nazionale, Politica Nazionale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.