Quelli che «Renzi è il vero sconfitto» (da Europa – 05.10.2013)

A ogni svolta “romana” il sindaco di Firenze viene dato per politicamente morto. Ma la prospettiva che ha davanti non è affatto terribile.

STEFANO MENICHINI

Quando alla fine di aprile si insediò il governo Letta, leggemmo per un lungo periodo analisi che spiegavano come Matteo Renzi fosse fra le principali vittime politiche della nuova stagione delle larghe intese.

Più recentemente, Renzi venne dato per sconfitto e superato quando Letta riuscì a passare gli scogli di agosto (sentenza Mediaset, Shalabayeva), perché questo sottraeva al sindaco di Firenze la preda delle elezioni politiche a breve. Nella situazione opposta, nei giorni bollenti degli ultimatum berlusconiani, Renzi era considerato in crisi perché il collasso della legislatura gli sottraeva il tempo per vincere il congresso. Infine, a fiducia per Letta riconquistata, ora Renzi sarebbe di nuovo da rottamare: stavolta perché l’allungamento dei tempi del governo gli consegna “solo” la chance della segreteria del Pd.

In poche parole: comunque vadano le cose a Roma, qualunque cosa accada, Matteo Renzi sarebbe sempre quello fregato.

Ora, può darsi che ci siano molti inquilini dei Palazzi che in effetti cercano in ogni evento il dettaglio utile a fermare l’ascesa del giovane newcomer. Come è sicuro che l’inner circlefiorentino sia affetto da una ben nota sindrome, per la quale ogni stormir di fronda reca minaccia e odore di trame ostili.

Chi, fuori da entrambi i circoli, può ragionare lucidamente, ha visto che Renzi non ha mai raccolto tanto consenso popolare come dopo il varo delle larghe intese, quando cioè avrebbe dovuto essere in crisi nera.

E constata oggi che, in un quadro politico più nitido, con qualche certezza in più sul prossimo futuro, anche Renzi si gioverà di idee più chiare, avendo definitivamente capito che il nuovo mestiere al quale aspirare è quello di segretario del Pd: che non sarà tutto, e non sarà il sogno della sua vita, ma non è neanche poco. Anzi. Comparando i precedenti di Blair e di Prodi, è legittimo dedurne che sia meglio avvicinarsi al governo del paese guidando un partito solidale, piuttosto che spinti da partiti malmostosi.

Per molti osservatori, i fattori critici per il sindaco (ammesso e non concesso che Cuperlo non si riveli avversario pericoloso) si chiamano ascesa di Letta e rilancio del neocentrismo. O le due cose insieme.

Intanto dissociamo i due concetti.

Letta sarà mite, disposto alla mediazione (s’è visto però fino a quale punto) e al trasversalismo, ma è un bipolarista convinto. Non ha mai detto né fatto alcunché che autorizzi il sospetto di mire neocentriste o addirittura neodemocristiane. Solo commentatori troppo pigri o nostalgici possono indulgere in certi schematismi. Mentre i protagonisti del momento, lo stesso Letta e Alfano, sanno che fuori dai rispettivi campi per loro non c’è che l’avventura. E avventuristi certo non sono.

Sulla prossima legge elettorale rimane l’incognita ricorrente: se sarà ritagliata su grandi partiti o su logiche coalizionali. Ma l’ispirazione maggioritaria non appare revocabile. E trascina con sé l’esigenza di una forte leadership.

Renzi dovrà prima o poi misurare la propria con quella, temprata in queste settimane, di Letta? È possibile e non è grave: se sarà segretario Renzi avrà subito, con cruciali scadenze elettorali a disposizione in primavera, l’occasione di fare del Pd il partito del cambiamento radicale, dell’apertura alle nuove generazioni, che corrisponde al suo profilo forte, da far diventare profilo collettivo circondandosi di un gruppo dirigente convinto e coerente. Non è una brutta prospettiva, per uno che ancora giovanissimo è stato già dato tante volte per politicamente morto.

@smenichini

Annunci

Informazioni su Salerno per Renzi

SALERNO PER RENZI LEADER DEL PD Cambiare il PD per cambiare l'Italia
Questa voce è stata pubblicata in Articoli dalla Stampa Nazionale, Politica Nazionale e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.